Pagine

venerdì 2 ottobre 2015

 ciao a tutti. tanti si sono chiesti che fine avessi fatto, così mi  sono decisa a farmi viva.  davvero molte le persone che mi hanno scritto chiedendomi il perchè del mio silenzio. pensavo di tacere e di tornare col blog, non appena fossi stata pronta, ma solo per  parlare di lavoretti, di country, di  tutorial ecc. poi ho capito che qui, c'è una parte di me ed è inutile fare finta che tutto sia una favola e che le difficoltà non esistano. ci sono momenti di gioia e momenti di dolore per tutti, e quei momenti fanno parte di noi e segnano la nostra vita. per questo ho deciso di pubblicare la risposta che ho inviato a Mara, una ragazza che non conosco ma che ha pensato a me e a cui ho sentito il bisogno di dire la motivazione per cui ho fatto tacere il mio blog per tutto questo tempo. questa risposta è per tutti voi che mi avete scritto ma anche per quelli che non lo hanno fatto e si sono fatti delle domande. vi ringrazio tutti e con tutto il cuore perchè anche se ci conosciamo solo virtualmente, io il vostro affetto l'ho sentito. 

"Cara Mara, grazie della tua mail che mi gratifica molto. mi sto riprendendo ora da un anno che mi ha devastato moralmente e psicologicamente. ho lottato insieme a mio padre per svariate malattie. ho occupato tutto il mio tempo tra specialisti, controlli, ricoveri in ospedale e per fargli seguire un' alimentazione adeguata. poi, lo scorso Natale, il colpo di grazia: una meningite lo ha sfinito per 20 giorni fino a farlo morire su un letto d'ospedale lontani da casa. piango solo a parlartene perchè ho dei ricordi dolorosissimi di quel periodo. Così, sono rimasta sola a casa, con tanti suoi ricordi. dentro me, ho visto svanire creatività, inventiva, entusiasmo e se te la devo dire tutta anche la voglia di andare avanti. ma sono credente e ho chiesto aiuto al  Signore che ha trovato ancora una volta il modo di parlarmi e illuminarmi. ho dovuto prendere dei farmaci, che ora ho smesso, ma che mi hanno aiutato. ho lavorato tutta l'estate in un ristorante e anche il lavoro mi ha aiutato. ora, devo dire che piano piano tornano le idee e la voglia di fare. sento che sto per lasciarmi questo brutto periodo alle spalle,  riprendendo il controllo della mia vita che non sarà più la stessa ma che spero potrà ancora riservarmi momenti felici senza dimenticare mai di avere avuto il privilegio di essere la figlia di Eliseo e Caterina due genitori fortemente speciali che hanno lasciato il segno nella vita di tutti quelli che li hanno conosciuti. ancora grazie Mara, della tua mail. forse ripartirò da qui. un abbraccio."
Dio ci benedica
lella

15 commenti:

  1. Mi dispiace, cara... Spero che tu riprenda in mano la tua vita e cerchi di buttarti alle spalle questo periodaccio...
    Te lo auguro con tutto il cuore, e mi raccomando non perdere mai la Fede, il Signore ci da sempre il suo aiuto se glielo chiediamo...

    Maira

    RispondiElimina
  2. Un forte abbraccio....anche se non ci conosciamo!
    Isabella

    RispondiElimina
  3. Hai trovato la forza di reagire anche se credi che non sia così, la fede aiuta e sono contenta che tu sia riuscita a fare questo piccolo passo, parlarne, anche se con persone che non conosci davvero, aiuta, un abbraccio e continua a credere di non essere sola!!

    RispondiElimina
  4. Carissima, finalmente sei tornata! Il tuo messaggio mi ha commosso .... come può essere dolorosa la vita in alcuni momenti.. sei stata davvero brava a ritrovare la strada e giungere ancora da noi che ti seguiamo sempre con infinito affetto. Sei speciale, ricordalo, anche perchè hai avuto due genitori fantastici che ancora ti sono accanto e vogliono che tu stia bene. Anch'io lo voglio! Forza cara Lella! Un abbraccio forte, Silvia

    RispondiElimina
  5. Non ti conosco, credo di aver visto qualche tua creazione molto bella qualche volta, ma questo tuo scritto così doloroso mi ha colpito per questo desidero lasciarti un piccolo segnale. Lo scorso anno anch'io ho perso mio padre dopo una lunga e brutta malattia, soprattutto gli ultimi tempi sono stati davvero duri, tra ricoveri e terapie e la sua perdita di autonomia. Per cui ti capisco benissimo. Ci guardano da lassù, in un luogo dove la sofferenza non esiste, certo il disegno divino, per chi crede, è spesso difficile da capire, e accettare di non averli più vicino è molto dura, rivorremmo quel tempo insieme. Un abbraccio sincero Sandra

    RispondiElimina
  6. Hai ragione quando dici che anche il blog è una parte di te e condividere anche il proprio dolore forse non ti toglie la sofferenza ma aiuta sentire l'affetto di persone che in qualche modo hanno vissuto la tua esperienza. ..è dura ..ma vedrai che il tempo..la fede. .gli amici...anche la tua creatività ti aiuteranno non a superare ..non a dimenticare ma a convivere con una nuova realtà. ..ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Forza Lella! Il primo passo è fatto e le tue amiche virtuali sono qui ad aspettarti. Un augurio speciale per una persona speciale! Ah, sono Mara :-) (Esploratori è il blog del mio gruppo di scrittura)

    RispondiElimina
  8. Cara Lella,
    purtroppo la vita è fatta anche di questi momenti.
    Comprendo appieno il tuo stato d'animo, so purtroppo cosa vuol dire perdere le persone care in seguito a lunghe malattie,
    ma il tempo guarisce ogni cosa, ci permette di accettare il dolore e trasformarlo in ricordo senza sminuirne il valore.
    Noi siamo qui, e aspettiamo di ritrovarti presto.
    Un abbraccio forte, forte.

    RispondiElimina
  9. Cara Lella, è un piacere ritrovarti anche se con qualche segno di troppo nell'anima. Ti auguro di riprendere in mano la tua vita con entusiasmo. Un abbraccio virtuale
    Alessandra

    RispondiElimina
  10. Ciao Lella , Mi chiamo Barbara e sono una di quelle persone che veniva a visitare il tuo blog di tanto in tanto con la speranza di vedere qualche nuovo post e si chiedeva come mai non ne arrivava uno. Ma come vedi non ho smesso di venirti a trovare. Mi ha commosso leggere le tue righe di profondo dolore e purtroppo anch'io so cosa significa passare un anno in sospensione dalla propria vita passandolo tra medici e ospedali . Nel mio caso è stato per mio marito che ha compiuto i suoi 40 anni sul letto di un ospedale sotto le flebo di chemioterapia . Ci ho messo parecchi mesi per riprendere in mano la mia vita . Il tempo aiuta e sopratutto aiuta l'affetto dei cari . E' per questo che ti scrivo per mostrarti il mio affetto e comprensione . La vita è difficile per tutti ma non sarà sempre così . Anche io ho una forte fede in Dio e nelle sue promesse. Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  11. Bentornata! Un abbraccio.
    Sonia

    RispondiElimina
  12. So bene di cosa parli e ti auguro di ritrovare, un passo alla volta, la serenità perduta riuscendo a ricordare solo il grande amore per le persone che hai avuto la fortuna di avere vicino.

    RispondiElimina
  13. Auguri, di cuore...
    Mariapia

    RispondiElimina
  14. assente da un po dalla rete (fb ha preso il sopravvento),leggo solo ora.. mi spiace per il babbo... sono contenta di sentirti dire che grazie alla fede tu abbia ritrovato il senso e la forza di vivere . un abbraccio Patrizia

    RispondiElimina